domenica 5 dicembre 2010

PANDORO DELLE SORELLE SIMILI


Cari amici bentrovati! Accantonate le disavventure con il pc e il modem, rieccomi tra di voi con la ricetta del delizioso, soffice e profumatissimo Pandoro delle Sorelle Simili, che sicuramente molti di voi conosceranno. Il mio primo pandoro, che emozione! La lavorazione è un pò lunga, bisogna starci dietro un giorno intero, ma la bontà del pandoro ripaga ampiamente del tempo ad esso dedicato. Ho notato che la ricetta delle Simili è quasi identica a quella trovata sul "Manuale di Pasticceria e Decorazione vol. 2" della Quadò. Le due ricette, in alcuni punti, differiscono di 10-20 grammi nelle dosi, per il resto sono uguali, entrambe valide, ma alla fine ho optato per la ricetta delle Simili. Per quanto riguarda gli aromi, invece, mi sono rifatta alla ricetta del manuale, aggiungendo alla vaniglia anche la scorza grattugiata di un'arancia e di mezzo limone. L'anno scorso, proprio in questi giorni, pubblicavo la ricetta del mio primo panettone fatto in casa con la macchina del pane che mi ero regalata per Natale 2009. Mentre quest'anno, per il pandoro, mi sono avvalsa dell'aiuto dell'impastatore che mi sono regalata per questo Natale, un Clatronic KM 3323 che non ha nulla da invidiare al più famoso e costoso Kenwood. La settimana scorsa sono andata in un centro commerciale e mi son ritrovata davanti, uno accanto all'altro, il Kenwood e il Clatronic, belli entrambi, solo che il Kenwood costava 5 volte di più! Per cui non ci ho pensato più di tanto e sono uscita con il mio bell'acquisto sottobraccio. Ora passiamo alla ricetta. Vi ricordo che tra parentesi ci sono le mie specifiche.

Ingredienti totali per un pandoro da 1 Kg:

450 gr di farina manitoba
135 gr di zucchero
170 gr di burro
4 uova
18 gr di lievito di birra fresco
acqua
1 cucchiaino raso di sale
1 stecca di vaniglia
scorza grattugiata di un'arancia e di ½ limone (aggiunti da me)
burro e zucchero a velo (io farina) per ungere lo stampo
zucchero a velo vanigliato per spolverare

Il lievitino:

15 gr di lievito di birra fresco
60 gr di acqua tiepida
50 gr di farina manitoba
10 gr di zucchero
1 tuorlo

Impastate tutti gli ingredienti e lasciate lievitare coperto per 1 ora o fino al raddoppio.

Primo impasto:

200 gr di farina manitoba
3 gr di lievito di birra fresco
25 gr di zucchero
30 gr di burro
2 cucchiaini d'acqua
1 uovo

Aggiungete al lievitino il lievito di birra sciolto nell'acqua tiepida, lo zucchero, la farina e l'uovo. Passate l'impasto sulla spianatoia per completare la lavorazione. Appena è ben amalgamato unite il burro a temperatura ambiente. Lavoratelo ancora finché l'impasto non sarà liscio ed omogeneo (questi passaggi li ho fatti tutti con l'impastatore). Rimettetelo nella ciotola, copritelo e lasciate lievitare per 1 ora o fino al raddoppio (io l'ho messo nel forno riscaldato a 50°C e poi spento lasciando la lucina accesa).

Secondo impasto:

200 gr di farina manitoba
100 gr di zucchero
2 uova
1 cucchiaino raso di sale
1 baccello di vaniglia

Aggiungete gli ingredienti al primo impasto e lavorate bene finché non sarà ben amalgamato, battendolo anche sulla spianatoia (questi passaggi li ho fatti tutti con l'impastatore). Ungete di burro la ciotola e rimettete a lievitare l'impasto coperto per 1 ora e ½ o fino al raddoppio (io l'ho messo nel forno riscaldato a 50°C e poi spento lasciando la lucina accesa). Una volta che sarà lievitato trasferitelo in frigorifero per 30-40 minuti (io 1 ora).

Per sfogliare:

140 gr di burro ammorbidito

Passato il tempo, riprendete l'impasto e stendetelo sulla spianatoia fino a formare un quadrato (circa 30 cm.). Ponete al centro del quadrato il burro morbido a pezzetti. Ripiegate i quattro angoli verso il centro unendoli fra di loro in modo da coprire del tutto il burro. Spianate fino ad ottenere un rettangolo (50x30 cm.) che dovrà essere ripiegato a tre. Mettete in frigo a riposare per circa 20 minuti. Ripetete questa operazione per tre volte e tra un giro e l'altro fate riposare l'impasto 20 minuti in frigo. Riprendete l'impasto con le mani unte di burro e formate una palla. Ponete la palla con il lato liscio verso lo stampo da pandoro precedentemente imburrato e spolverato di zucchero a velo (io l'ho infarinato) e lasciate lievitare in un luogo tiepido fino a che la pasta non arriva ai bordi dello stampo (io l'ho messo nel forno riscaldato a 50°C e poi spento lasciando la lucina accesa, per circa 5 ore). Secondo le indicazioni delle sorelle Simili il pandoro va infornato a 170°C per 15 minuti per poi abbassare la temperatura a 160°C e lasciarlo cuocere per altri 10 minuti (io l'ho fatto cuocere a 140°C costanti nel forno ventilato per 45 minuti, e poi l'ho lasciato altri 10 minuti a forno spento. Dopo i primi 15 minuti di cottura ho coperto il pandoro con carta stagnola per non farlo scurire troppo). Vi suggerisco di regolarvi in base al vostro forno. Vale comunque la prova stecchino. Quando sarà cotto e sfornato lasciatelo raffreddare completamente nel suo stampo prima di sformarlo. Una volta freddo, cospargetelo con lo zucchero a velo vanigliato.

41 commenti:

  1. Magnifique...Je serai à Venise jeudi ! Ciao, ciao !

    RispondiElimina
  2. ti faccio i miei complimenti per la tua costanza...un bacione Marina

    RispondiElimina
  3. E' bellissimo e sarà anche buonissimo...Copio e provo anche io :-)
    Grazie ed un bacione...

    RispondiElimina
  4. o mamma tesoro ma questo è un capolavoro e sono sicura che il sapore nn ha biente a che vedere con quelli commenrciali e complimenti questa impastatrice è bellissima!!baci imma

    RispondiElimina
  5. Bellissimo!!!!! Complimenti è venuto perfetto!!!

    RispondiElimina
  6. Ma congratulazionissime!! Che primo pandoro da primo premio... io rimango a bocca aperta... è favoloso!

    RispondiElimina
  7. che bello!!ti è venuto un amore!!bella anche l'impastatrice..scriverò una letterina a babbo natale..se nn ci sente provo con la befana..la voglio anch'io!!ciao cara

    RispondiElimina
  8. è una meraviglia!!!! brava!! so che lavorone c'è dietro quindi complimenti!!!

    RispondiElimina
  9. Complimenti questo pandoro sembra delizioso! Noi finiamo sempre per comprarlo, ma chissà che quest'anno io non trovi il tempo per farlo! Comunque ancora complimenti!

    RispondiElimina
  10. bravissimaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!bello bello bello bello bellissimo!!!!!!!!complimenti!!!!!!!

    RispondiElimina
  11. è meraviglioso.. lo voglio fare anch’io... ma ne sono terrorizzata.... grazie anche per la dritta sull’acquisto!! un bacio

    RispondiElimina
  12. Una meraviglia, perfetto, profumatissimo e genuino!!!! Complimentissimi!

    RispondiElimina
  13. Ma è splendido!!! mi sembra perfetto!!! che brava! ed è il primo!!! wow!!!
    complimenti per la planetaria... io ho altre cose clatronic..non male...e poi non tutti posson permettersi il kenwood o kitcheaid! :)

    RispondiElimina
  14. Grazie a tutti voi per i vostri gentili ed apprezzatissimi commenti. Un abbraccio

    RispondiElimina
  15. Ciao!
    Complimenti è bellissimo... bravissima!
    Visto che l'ho fatto anch'io ed era la prima volta. Buonissimo il sapore, ma un po' asciutto (forse a causa del forno)e poco dolce. A te è venuto bene? Mi piacerebbe rifarlo il prossimo anno, ma non vorrei dover preparare una crema inglese da versare sopra per "salvarlo".

    Buon Anno!

    RispondiElimina
  16. Ciao Barbara, benvenuta! Anch'io ho fatto questo pandoro per la prima volta quest'anno e tutto sommato mi ritengo abbastanza soddisfatta. In effetti il pandoro è molto buono e soffice il primo giorno, poi diventa un pò asciutto. Ma credo che ciò dipenda anche dal fatto che nell'impasto c'è il lievito di birra e non la pasta madre. Riguardo allo zucchero invece per me son giuste queste dosi perché non amo molto i dolci "dolciastri". Un saluto :)

    RispondiElimina
  17. Grazie!
    Aaaah ecco! L'ho fatto giovedì, ma lo abbiamo mangiato sabato. Ora capisco.
    Sei stata gentilissima, perchè avevo ipotizzato fosse causa del forno, ma non ero certa. Così ora ne conosco la ragione.
    Lo zucchero è effettivamente una questione di gusti...sono abituata alla versione industriale e di solito in quelli non aggiungo lo zucchero a velo perchè poi è troppo. Mentre in questo fatto in casa l'ho messo. Tutto sommato è giusto così.
    Grazie ancora! :o)

    RispondiElimina
  18. E' troppo bello questo pandoro! Bravissima...
    Un bacione
    Ale

    RispondiElimina
  19. sembra laborioso da fare però ti è venuto una meraviglia, bravissima! Un bacione....

    RispondiElimina
  20. @ Grazie Ale, Sandra e Anna! :)

    @ Grazie Chiara, non è difficile farlo, è solo un pò lunghetta la preparazione, ma è davvero buono! Un bacione

    RispondiElimina
  21. Ma che spettacolo.... mi ci devo rimettere d'impegno! Intanto mi vado a prendere lo stampo ;)

    RispondiElimina
  22. Ohhhhhh.... cosa vedono i miei occhi! E' stupenderrimo, complimenti il tuo pandoro è semplicemente perfetto

    RispondiElimina
  23. Ciao Donatella, grazie! Per essere il mio primo pandoro in effetti devo dire che mi ha dato una bella soddisfazione! Buona serata :)

    RispondiElimina
  24. ma che meraviglia!!! che brava o ancora devo farlo :P

    RispondiElimina
  25. mi sa che quest'anno faccio proprio questo ^_^ grazie!

    RispondiElimina
  26. Ciao bellissimo però volevo sapere quando stendi la prima volta sulla spianatoia ci metti tutto il burro oppure lo suddividi nelle tre volte? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mina, il burro lo inserisco tutto la prima volta. Buona serata

      Elimina
  27. E' bellissimo! Non mi sono mai cimentata perchè è un procedimento lungo però mi piacerebbe molto provare. Questa ricetta è l'ideale! Grazie mille :)
    Nuova follower!
    Anch'io ho un blog di cucina se ti va di farci un salto e ricambiare mi farebbe davvero molto piacere.
    Ti lascio qui il link
    http://conpaolaincucina.blogspot.it/
    Un bacio e a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesca, passerò volentieri a visitareil tuo blog! Un abbraccio

      Elimina
  28. Dan ganas de comérselo entero. Tiene que ser súper tierno.

    RispondiElimina

Ti do il mio benvenuto con queste parole: ogni persona, piccola o grande, che passa nella nostra vita è unica. Lascia sempre un pò di sé e prende un pò di noi. Grazie per aver incrociato il mio cammino!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...