martedì 13 maggio 2008

PETTOLA E FASUL


Pettola e fasul ossia Pettola e fagioli, è un’antica ricetta contadina tradizionale nel sud del Lazio, una specie di pasta maltagliata fatta in casa con acqua e farina che si coniuga benissimo con i fagioli e i ceci.

Ingredienti per 4 persone:

500 gr di farina
acqua qb
300 gr di fagioli cannellini
200 gr di passata di pomodoro
Sedano
Aglio
Olio extra vergine d’oliva
Peperoncino (facoltativo)
Sale

Preparazione:

Mettere a bagno i fagioli per una notte intera, successivamente cuocerli a fuoco basso, aggiungendo un po’ di sedano e uno o due spicchi di aglio. A metà cottura aggiungere il sugo di pomodoro, olio, sale e lasciare finire di cuocere. Per fare la pettola (sfoglia) mettere la farina a fontana sulla spianatoia, impastare con l’acqua e lavorare la pasta. Tirare la sfoglia, lasciare asciugare, arrotolarla su se stessa e tagliare a fette in senso trasversale, dello spessore di mezzo cm. con un coltello ben affilato. Quando i fagioli sono cotti, buttare la pettola nell’acqua precedentemente salata, lasciar cuocere qualche minuto e scolare, lasciando un po’ di acqua. Unire i fagioli, lasciar insaporire e poi servire. Aggiungere a piacere il peperoncino.


PETTOLA E CECI

Possiamo usare la Pettola anche con i ceci, eccovi la ricetta.

Ingredienti per 4 persone:

500 gr di farina
acqua qb
300 gr di ceci
200 gr di passata di pomodoro
Olio extra vergine d’oliva
Cipolla
Rosmarino
Sale

Preparazione:

Mettere a bagno i ceci la sera, la mattina dopo cambiare l'acqua e bollirli. Per facilitare la cottura di questo legume è bene aggiungere un pizzico di bicarbonato. Cuocere i ceci a bassa temperatura e farli sobbollire, non bollire. Preparare un sughetto con passato di pomodoro, olio, cipolla tritata e sale, aggiungervi i ceci dei quali metà passati, aggiungendo un pò d'acqua di cottura e un pò di rosmarino (va bene anche secco). Per la pettola, mettere su una spianatoia la semola, disporla a fontana e versare nel centro dell'acqua calda in cui é stato sciolto del sale. Amalgamare il tutto e lavorare fino a farlo diventare un panetto che si stacca dal piano di lavoro; con il mattarello formare un disco che va cosparso di farina affinché non si attacchi, arrotolarlo stretto su se stesso e tagliare a fette in senso trasversale, dello spessore di mezzo cm. con un coltello ben affilato. Srotolare poi con delicatezza e calare in acqua bollente salata. Scolare lasciandovi un pò di acqua sul fondo; versare il sugo con i ceci.

2 commenti:

  1. ...pur essendo romana non avevo idea di cosa fossero le pittole....e visto che sono entrata nella ricetta ora vado a dare un'occhiata a quali sono i fagioli del Lazio...tanto per...buonaserata cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristiana Valeria, la pettola è una pasta fatta solo con farina e acqua, ha la forma dei maltagliati. Si mangia con i ceci o con i fagioli borlotti o cannellini.

      Elimina

Ti do il mio benvenuto con queste parole: ogni persona, piccola o grande, che passa nella nostra vita è unica. Lascia sempre un pò di sé e prende un pò di noi. Grazie per aver incrociato il mio cammino!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...