venerdì 6 novembre 2015

PANE SEMINTEGRALE IDRATATO AL 70%


A causa di un piccolo incidente domestico, sono stata un mese a riposo ed ho approfittato di questo periodo di forzata inattività per creare la pasta madre liquida, conosciuta anche come licoli o li.co.li (lievito a coltura liquida). A differenza della pasta madre solida, il licoli è più facile da gestire in quanto può essere conservato in frigo e ha bisogno di meno rinfreschi. Quando è maturo può essere rinfrescato benissimo ogni 15 giorni, alcuni arrivano a farlo anche 1 volta al mese, ma credo che farlo ogni 15 giorni sia più ragionevole. Il mio licoli è ancora giovane ed instabile, finora l'ho utilizzato una sola volta nella panificazione, quella di oggi è la mia seconda ricetta, ma devo dire che rispetto alla volta scorsa vedo dei notevoli miglioramenti. Il lievito sta maturando e impiega meno tempo nella lievitazione. La scorsa volta mi sono ispirata a una ricetta trovata in rete, era il mio primo tentativo e non volevo fare errori. Stavolta invece la ricetta è mia e devo dire che sono abbastanza soddisfatta della riuscita di questo pane. Nei giorni scorsi mi è arrivato anche il pacco nuovo di farine della Molino Rossetto, per cui non potevo far altro che lanciarmi nella panificazione incuriosita di provare le nuove farine. Ho scelto di realizzare un Pane Semintegrale Idratato al 70% che ho poi conservato in un sacchetto per alimenti. Il pane così conservato si è mantenuto morbido per 4 giorni, non ha proprio nulla a che fare con quelli in commercio che dopo un giorno diventano duri e insapori. Mi scuso per le foto scattate di sera, non sono un granché, ma non ho avuto davvero tempo per farle di giorno a causa dei molteplici impegni, ma credo che anche così riusciate a farvi un'idea del risultato. Un abbraccio e buona giornata a tutti!

Per questa ricetta ho utilizzato le farine e il malto della Molino Rossetto.

Ingredienti per 2 pani:

500 gr di farina manitoba tipo "0"
500 gr di farina integrale di grano duro Cappelli macinata a pietra
300 gr di pasta madre liquida (licoli) o prefermento (100 gr licoli + 100 gr acqua + 100 gr farina)
700 gr di acqua a temperatura ambiente
10 gr di malto diastasico
3 cucchiai di olio extravergine d'oliva
4 cucchiaini di sale

Preparazione:

Setacciate insieme le due farine, versatele nel cestello della macchina del pane con tutta l'acqua e fate l'autolisi delle farine per 2 ore. Aggiungete gli altri ingredienti nel cestello ed avviate la  macchina del pane. Fate incordare l'impasto azionando per 2 volte la  macchina del pane (riavviate la 2 volta prima che inizi la lievitazione). Dopo ciò fate lievitare un'ora nella macchina del pane. Ungete con l'olio una ciotola ed inserite l'impasto, fate le pieghe al centro, coprite con la pellicola o un coperchio e mettete a lievitare una notte nella parte bassa del frigo. La mattina successiva fate acclimatare l'impasto a temperatura ambiente per qualche ora, date una piega a tre, dividete l'impasto in due, pirlatelo per dare la forma e mettete a lievitare in due stampi con teli infarinati fino al raddoppio (6-7 ore). Prima di infornare rovesciate ogni impasto su una teglia infarinata, infarinate anche la superficie del pane e con una lametta realizzate dei tagli a piacere.  Inserite nel forno un pentolino d'acqua e infornate il pane a cottura statica a 250°C per 10 minuti, poi abbassate a 220° per altri 10 minuti, poi a 200° per altri 10 minuti. Eliminate il pentolino d'acqua e terminare la cottura a 180° per altri 30 minuti circa. Negli ultimi 10 minuti mettete il forno a ventilato e cuocete a spiffero tenendo socchiuso lo sportello del forno e bloccandolo con un cucchiaio di legno. Terminata la cottura lasciate raffreddare il pane in verticale su una gratella prima di tagliare. Conservate il pane chiuso in un sacchetto per alimenti.

27 commenti:

  1. Complimenti un ottimo pane e concordo con te il pane integrale comprato non è mangiabile il giorno dopo.
    bacio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, se per questo pure il pane bianco, non c'è proprio paragone. A me è durato 4 giorni, ma solo perché è terminato il pane, cissà forse sarebbe durato anche qualche giorno di più. Devo provare!

      Elimina
  2. Solo a vederlo viene fame, immagino il profumo e il sapore. Complimenti è meraviglioso!

    RispondiElimina
  3. Caspita che bel pane! Praticamente perfetto e splendidamente alveolato. Bravissima! Buona serata :)

    RispondiElimina
  4. ti è venuto splendido, bravissima, un abbraccio !

    RispondiElimina
  5. ton pain est magnifique bien moelleux la photo parle d'elle même bravo
    bonne soirée

    RispondiElimina
  6. Davvero un bel pane! Anch'io ho ripreso a panificare, ma avrò preso almeno 2 kili in 10 giorni :))) mi sa che debo abbandonare, o darmi una calmata ;)

    RispondiElimina
  7. Tra l'altro mi ricordi che potrei ri-usara la macchina del pane... ho sempre paura che scaldi rroppo ed evito di farlo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La planetaria sarebbe l'ideale, però io per mancanza di tempo uso la macchina del pane per non stare dietro all'impasto. Inserisco tutto dentro e lascio fare alla macchina. Non credo possa riscaldare l'impasto, almeno a me non lo fa, neppure se avvio 3 volte di seguito per far incordare meglio l'impasto.

      Elimina
  8. Vaya bien que se ve el corte de tu pan :-)
    Un saludito

    RispondiElimina
  9. bellissimo questo pane,mi ricorda tanto il pane casareccio che mangiavo da bambina.grazie e buon weekend

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere che questo pane ti susciti bei ricordi, ti ringrazio. Un abbraccio

      Elimina
  10. O_O che pane magnifico hai sfornato!!!! complimentissimi!!!! buona settimana

    RispondiElimina
  11. che pane magnifico, ti è venuto spettacolare!
    baci
    Alice

    RispondiElimina

Ti do il mio benvenuto con queste parole: ogni persona, piccola o grande, che passa nella nostra vita è unica. Lascia sempre un pò di sé e prende un pò di noi. Grazie per aver incrociato il mio cammino!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...